For a (more) human copywriting

 

WE ARE WORKING ON THIS TRANSLATION

Copywriting has an hidden happiness. When writing about brands, you always know that in the end you are writing about human things.

Competive scene analysis, positioning, texts to be published in all kind of media, written on a back-pack or concealed in the inside of a sweater – all this is undoubtedly commercial stuff.

You can’t deny though that by those words you are addressing real persons. People you can imagine and describe in the very moment they wake up, take a shower or ride a car. People cooking, looking at themselves in a mirror, observing little marks on their skin,  Ma non si può mettere in dubbio che queste parole si rivolgano alla vita di persone vere. Immaginate, descritte, raggiunte mentre si svegliano, mangiano, si lavano, guidano, cucinano, si guardano allo specchio, osservano segni sulla propria pelle, provvedono ad altre intime funzioni, pensano distrattamente a se stesse, distrattamente ascoltano una pulsazione che non viene dall’appartamento accanto, ma da dentro.

La pulsazione che spingendoci a vivere ci spinge, quasi senza interruzione, a consumare.

Fra i tratti distintivi di una buona scrittura di marca – che in seguito proveremo a elencare – proprio l’umanità dovrebbe avere su chi fa comunicazione una conseguenza importante: provocare fastidio per il vuoto, per ogni formazione di frase che, non essendo riconducibile alla vita, descrive il nulla.

Ciò non avviene quasi mai.

Chi ha frequentato le sale riunioni di agenzie di pubblicità e aziende, e ha ascoltato un Channel Strategist Director (ma nelle definizioni dei ruoli esiste anche di peggio!), sa che la scena varia e complessa della vita ne esce immiserita: qualche grafico e un paio articoli di costume rubati ai settimanali.

Il vuoto però non è nella sciatteria della ricerca, ma nella lingua. Un misto di anglicismi (quasi sempre sostituibili con termini italiani, senza il pericolo di riabilitare il purismo fascista) e sociologia convenzionale. Come se chi scrive, quella meravigliosa complessità, quegli stati d’animo collettivi che sono la somma di tante storie singole non li vedesse e non li sentisse.

Eppure i modelli per scrivere meglio non mancano.

Da alcuni decenni Giuseppe De Rita elabora nel Rapporto annuale del Censis e nei suoi libri una lingua che aderisce perfettamente alla società italiana e la rappresenta in metafore ed espressioni dove il registro tecnico non copre mai del tutto i segnali di vita.

 “Entrare nella lunghezza d’onda dei sentimenti collettivi”; “ansia sulfurea di cambiamento”; “rabbia da smarrimento”; “messaggio di futuro”;”società impersonale … fatta da individui che non hanno coscienza di sé e del proprio rapporto con la collettività”; “coagulare emozioni collettive”; “l’armatura della rappresentanza economica”; “interessi di prossimità”; “stare sulle cose”; “il popolo della sabbia fatto di materiale spento e inerte”.

In tutti questi esempi, estratti dal recente Il popolo e gli dei. Così la Grande Crisi ha separato gli italiani (Laterza, 2014), la scelta delle parole accende finestre sulla realtà. Come da un treno della sera in uscita da una delle nostre città, cogliamo fotogrammi di case e famiglie, di ciò che significa lavorare, produrre, acquistare e fare progetti di vita oggi in Italia.

finestre5

Non si tratta di scrivere un saggio là dove bastano pochi concetti messi nella giusta successione. Il vantaggio di questa lingua, se applicata alla marca e al marketing, è disseminare in una scrittura di norma sterile frammenti di realtà da cui possono nascere idee.

Prodotti e comportamenti di consumo, tolti dal laboratorio delle ricerche e rimessi a mollo nella vita grazie alla lingua, possono diventare storie. Cioè una comunicazione più efficace.

Alcuni accorgimenti aiuteranno la scrittura di marca a ridiventare umana:

– Guardarsi intorno oltre che guardare le ultime indagini di mercato;

Provare a pensare a persone reali, con il loro modo di vestire parlare amare, invece che a dei profili socio-economici;

– Immaginare un prodotto negli spazi che condividerà con coloro che lo scelgono, i modi in cui esso entra nel loro orizzonte privato e quotidiano, sta a contatto con i corpi, diventa gesto;

– Cercare la parola inattesa, estranea al lessico e alle cosiddette regole del mestiere;

– Rileggere, sempre, e chiedersi se almeno in qualche punto si affacci un volto, un odore, le linee del paesaggio del paese in cui viviamo. O se invece tutto questo si sia perso per strada, lasciando la strategia a disegnare cerchi su un territorio inesistente.